Snowden spiega perché l’FBI deve rivelare il metodo usato per accedere all’iPhone di San Bernardino.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Tutti voi saprete di sicuro che l’FBI è riuscito a sbloccare l’iPhone 5C dell’attentatore di San Bernardino. Per far ciò, sono riusciti a trovare una falla nel sistema della Apple e questo, ovviamente, mette in dubbio la completa invulnerabilità dei dispositivi della Mela. Per questo motivo, Edward Snowden, l’ex tecnico della CIA che in passato ha rivelato dei dettagli riguardanti dei programmi di sorveglianza di massa utilizzati sia dal governo statunitense che da quello brittanico, ha voluto dire la sua a riguardo, spiegando che l’FBI deve rivelare il metodo che hanno utilizzato per accedere a quell’iPhone perché così come ci sono riusciti loro, può riuscirci chiunque.

Questa la dichiarazione di Snowden “Quando l’FBI individua un caso talmente eccezionale da rendere necessario infrangere la sicurezza di un dispositivo per entrarci, si tratta di circostanze eccezionali, da obbligarsi a cercare di cimentarsi nel compito. Allo stesso tempodovrebbero accertarsi di avere chiuso la porta alle loro spalle, affinché noi altri, sia se lavoriamo all’UNICEF, sia se lavoriamo da Starbucks, rimaniamo al sicuro, e non subiremo simili minacce un domani”.

Queste dichiarazioni nascono dal semplice fatto che l’FBI si è rifiutato di rendere noto il sistema utilizzato per accedere all’iPhone 5C in questione, ma Snowden spiega che “Non devono farlo per aiutare la Apple, ma per aiutare la nazione, qualsiasi americano che usa questi prodotti e questi servizi”.

(via)

Potrebbe interessarti anche...

Close