Smartphone cambiano le nostre abitudini

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Coma mostra questa infografica , le nostra abitudini di shopping stanno cambiando , questo è merito di Smartphone e Applicazioni.                                       Il portale VaucherCodesPro.co.uk ha fatto un sondaggio per vedere come siano cambiate le abitudini delle persone con questi nuovi strumenti tecnologici, smartphone ecc.

Ecco cosa dimostra questa infografica, quasi la metà degli Americani utilizza Smartphone per sfogliare e ricercare prodotti in negozio, ben il 45% dei consumatori, più della metà degli uomini il 53% ed il 43% delle donne, utilizzano lo Smartphone nei negozi per fare una comparazione di prezzi tra rivenditori, il 64% di coloro che hanno effettuato il sondaggio dichiarano di aver cambiato idea sull’acquisto dopo aver visto i prezzi con il proprio dispositivo  praticati da altri rivenditori , il 43% degli adulti americani, pratica normalente “showrooming”, ossia vede il prodotto nel negozio per poi acquistarlo nel web.

how-mobile-changing-store-shopping-1-224x1024

 

(via)

Questa è una mia breve riflessione che emerge da questo dato ma soprattutto dalla mia esperienza professionale in questo settore merceologico e di rivendita in generale, questo trend si stà affermando anche in Italia, spesso vedo gente entrare nei negozi vedere, toccare, misurare i prodotti , abbigliamento, elettronica, elettrodomestici, vedere l’impressione soddisfatta degli utenti, sentire affermazioni tipo” vanno bene prendiamolo sul web si risparmia molto”, io personalmente sono un amante di tecnologia, però sono molto preoccupato di questa situazione, oggi in Italia non si stà vivendo un periodo particolarmente brillante economicamente parlando, anche se credo che il problema sia generico a livello mondiale, però senza una regolamentazione del Web, si rischia di far chiudere troppi negozi, con una conseguenza di trovare molte, troppe persone , shop assistant a casa senza lavoro, nel web a mio avviso non bisognerebbe trovare troppe differenze di prezzo rispetto ai negozi, al massimo un 10% di scarto visto che comunque gestire un negozio on-line ha dei costi molto minori ,quindi si possono tranquillamente abbassare i margini , di conseguenza il prezzo al pubblico, che gestire un negozio fisico magari in un grande centro commerciale, io credo che in questo senso debbano essere le case produttrici ad imporre che la differenza di prezzo tra web e negozio fisico non può superare un gap del 10% , non dobbiamo fare in modo che le macchine prendano il sopravvento perchè secondo me stiamo correndo troppo velocemente, basti guardare a 20 anni fà forse 25 da li in poi quante novità, io mi domando sempre una cosa ma senza avere mai una risposta, ma come anno fatto per migliaia di anni senza ….. tutto quello che abbiamo oggi?

Mi farebbe enormemente piacere avere dei vostri commenti.

Walter Cicerone

Potrebbe interessarti anche...

Close