La Apple ha perso il ricorso per il marchio iPhone in Cina.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

In Cina, la società Xintong Tiandi ha registrato il brand “IPHONE” nel lontano 2007, quindi ben 5 anni prima che l’azienda di Cupertino lo registrasse per poterlo utilizzare sui vari prodotti hardware e software. La società cinese in questione si occupa di produrre prodotti in pellame, tutti marcati con il nome “IPHONE”, come potete ben vedere dalla foto presente qua sopra. La Apple aveva fatto ricorso per richiedere il controllo esclusivo del marchio “iPhone” anche in Cina, però è stato respinto e quindi Xintong Tiandi può continuare ad utilizzarlo come meglio crede.

Questa qua di seguito è la dichiarazione da parte della Corte Comunale di Pechino, la quale ha respinto la richiesta da parte della Apple di ottenere l’esclusiva del marchio “iPhone” citando la norma 2.001 sui marchi registrati “Il nome è stato registrato in un momento in cui il nome “iPhone” non era né onnipresente né famoso, quindi Apple, sulla base del diritto cinese, non avrebbe motivo di eccepire sull’argomento”.

All’epoca infatti, l’iPhone non era ancora presente sul mercato cinese, soltanto due anni dopo la Apple riuscì a portare il suo primo smartphone anche in Cina. In poche parole, quando è stato registrato il marchio “iPhone” in Cina non lo conosceva ancora nessuno e per la legge cinese la Apple non può ottenere l’esclusiva.

(via)

Potrebbe interessarti anche...

Close