Jailbreak: MuscleNerd frena l’entusiasmo

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Torniamo a parlare di Jailbreak. Lo fa MuscleNerd, leader del Dev-Team, in un tweet che sembra stemperare l’entusiasmo di questi giorni. MuscleNerd ha placato gli animi su internet che fantasticavano sul progetto #openjailbreak di P0sixninja dei giorni scorsi. Non sappiamo di cosa questo si tratti realmente, dal momento che l’hacker non ha rilasciato ulteriori informazioni, ma se stavate pensando ad un jailbreak univoco e compatibile su tutti i dispositivi, potreste rimanere fortemente delusi. Infatti stando alle sue parole, non ci sarebbero exploit della bootrom per i dispositivi A5 o successivi, nemmeno un dump della bootrom. Questo significa che al momento non ci sono margini per un jailbreak “definitivo” e compatibile con qualsiasi versione di iOS per iPhone 4S, iPhone 5, iPod touch di quinta generazione, iPad 2, iPad di terza/quarta generazione e iPad mini.

Proprio pochi giorni fa sembrava esserci un grande entusiasmo a tale proposito, dopo le parole di P0sixnija su Twitter:

Schermata-2013-07-01-alle-08.34.26

In pratica sosteneva di stare lavorando ad un progetto molto importante per un Jailbreak “open”. Ma alla luce del tweet di MuscleNerd ora tutto resta da vedere:

Schermata-2013-07-03-alle-14.15.29

Tuttavia, calcolando che ultimamente non corre buon sangue tra P0sixninja e MuscleNerd, è facile ipotizzare che queste dichiarazioni siano volte più a sminuire il nuovo “avversario” che a sostenere l’impegno comune degli hacker nella realizzazione dei prossimi jailbreak. Al tempo stesso, però, le parole di MuscleNerd potranno essere smentite solo quando qualcuno riuscirà effettivamente a pubblicare il primo jailbreak per iOS che si basi su un exploit della bootrom per il processore A5 e successive versioni. Fino ad allora, purtroppo, la situazione sarà quella descritta da MuscleNerd e gli hacker potranno rimediare nuovi jailbreak (ad esempio quello di iOS 7, appena diventerà pubblico) solo con exploit di tipo userland, che possono essere facilmente corretti da Apple con un aggiornamento software e risultano quindi limitati temporalmente.

Restiamo a vedere cosa succederà.

(via)

Potrebbe interessarti anche...

Close