Apple si schiera contro la cancellazione dei diritti trasgender effettuata da Donald Trump.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Donald Trump, il Presidente degli Stati Uniti, ha recentemente fatto ritirare le linee guida anti-discriminazione varate da Barack Obama durante la sua amministrazione. In particolare, queste linee guida permettevano agli studenti transgender di utilizzare bagni e spogliatoi nelle scuole pubbliche secondo la loro attuale identità di genere e non secondo il loro sesso di nascita. Apple, da sempre a favore per l’uguaglianza, ha rilasciato una dichiarazione a riguardo attraverso un portavoce.

Nella dichiarazione in questione, rilasciata ad Axios, l’azienda di Cupertino risulta molto critica nei confronti di questa decisione “Apple ritiene che tutti debbano avere la possibilità di crescere in un ambiente libero da stigmatizzazioni e discriminazioni. Supportiamo gli sforzi a favore di una maggiore accettazione, non inferiore, e siamo fermamente convinti che gli studenti transgender debbano essere trattati in modo più possibile paritario. Siamo contrari con qualsiasi sforzo teso a limitare o eliminare loro diritti e tutele”.

Insomma, Apple ha voluto far sapere a tutti di continuare il suo percorso nel supporto dell’uguaglianza di tutte le persone, indifferentemente dal sesso o dalla razza. Inoltre, continua ad opporsi alle decisioni, considerate sbagliate, prese da Donald Trump, come il recente muslim ban.

(via)

Potrebbe interessarti anche...

Close